Wednesday, July 25, 2012

Obama, Imbonitore Supremo


Thomas Sowell è un economista, accademico e autore americano, allievo di Milton Friedman. Attualmente il Professor Sowell è un senior fellow, cioè un membro anziano della Hoover Institution  l’istituto di ricerca liberale dell’Università Stanford.
Il pezzo che ho tradotto è del 21 di luglio, ed è apparso qui , in inglese, sul blog di Lew Rockwell, col titolo shakespeariano di “Dripping Poison in Our Ears, (cioè, più o meno: “Ci stanno facendo sgocciolare veleno nelle orecchie.”)
È un invito a fermarci a pensare. Buona lettura. i vostri commenti saranno molto graditi.

L. Pavese




La retorica di Barack Obama.
(Di Thomas Sowell. Traduzione di Leonardo Pavese).

Le grandi abilità retoriche di Barack Obama comprendono anche la capacità di rendere l’assurdo non solo plausibile, ma anche profondo e incoraggiante.
L’ultimo dei suoi trionfi verbali è stato quello di affermare, il 13 luglio scorso: “se avete raggiunto il successo, non lo avete raggiunto da soli.” (Facendo riferimento, ovviamente, al suo sfidante, Mr. Mitt Romney, candidato alla presidenza degli Stati Uniti). Ad esempio: “Qualcuno avrà investito in strade e viadotti. E se avete un’azienda, non siete stati voi a costruirla. È stato qualcun altro che lo ha reso possibile.”     
Ma soffermiamoci un minuto a riflettere, anche se lo scopo principale di molta retorica politica è di impedirci di pensare, suscitando invece una nostra reazione emotiva.  
Anche se dessimo per scontato, nell’interesse della discussione, che il 90% di ciò che una persona di successo s’è conquistata fosse merito dello stato, che cosa ne consegue? Che la classe politica prenderà decisioni migliori dei cittadini? Che i politici spenderanno la ricchezza della nazione meglio di coloro che la hanno creata? No. Non dal punto di vista logico, e certamente neanche in senso empirico.  
Qualcuno ha qualche dubbio che la maggior parte di noi deve moltissimo ai genitori che ci hanno allevato? Ma che cosa dovrebbe derivarne? Che non dovremmo mai diventare degli adulti che prendono le loro decisioni?

Lo scopo principale della mentalità collettivista è di concentrare il potere nelle mani dei collettivisti; il che vuol dire, toglierci la nostra libertà. Lo fanno per gradi; a cominciare dai gruppi che gli altri invidiano o verso i quali provano risentimento: gli ebrei nella Germania nazista, i capitalisti in Unione Sovietica, gli investitori stranieri nei paesi del Terzo Mondo i cui governi gli confiscano ciò in cui hanno investito, e poi definiscono la razzia “nazionalizzazione.”
Molto raramente la libertà viene distrutta tutta in una volta; più spesso viene erosa, pezzettino per pezzettino, finché non ce n’é più. Potrebbe succedere in un modo talmente graduale, per cui nessun mutamento improvviso allerterebbe la gente del pericolo.

Tutte queste dichiarazioni altisonanti sul perché e il percome quelli che hanno avuto successo in affari dovrebbero “ripagare” la comunità che ha creato le cose che hanno facilitato il loro successo sono, come ho già detto, un qualcosa che può sembrare plausibile solo a quelli che non si fermano troppo a pensare a ciò che è stato detto.
E apparentemente, dopo tanti anni di istruzione ultra-semplificata, si tratta di un bel mucchio di gente.



      


Consideriamo l’esempio, che ha fatto Obama, dell’azienda che ha tratto beneficio dall’aver potuto spedire i suoi prodotti sulle strade che ha costruito lo stato. Per quale ragione ciò creerebbe il dovere di una “restituzione?”
I contribuenti, comprese le aziende, non hanno forse già pagato per quelle strade, quando sono state costruite? Perché dovrebbero pagare due volte?   
E allora i lavoratori che le aziende assumono, i quali di solito sono stati istruiti in scuole finanziate dallo stato? Il governo non possiede nessuna ricchezza di suo, eccetto quella esatta ai contribuenti, siano essi individui o aziende. Hanno già pagato per l’istruzione. Non è stato un regalo che loro debbano ricambiare lasciando che la classe politica gli sottragga ancora di più dei loro soldi e della loro libertà.
Quando le aziende assumono persone con un alto livello di istruzione, chimici o ingegneri per esempio, la competizione fra le correnti del mercato le obbliga a pagare salari più
alti ai dipendenti che vantano più anni di preziosa formazione. Quell’istruzione non rappresenta affatto un dono che lo stato fa ai datori di lavoro: è stata pagata, nel periodo in cui veniva impartita nelle scuole e nelle università;e ora deve essere retribuita con salari più alti, quando vengono assunti dipendenti con un alto livello d’istruzione.


     
Uno dei trucchetti dei prestigiatori di professione consiste nel distrarre l’attenzione del pubblico da quello che stanno facendo, mentre stanno creando l’illusione della magia. Le tiritere ipocritamente pie sulla “restituzione” non hanno altro scopo che distrarci dalla cruda realtà che la classe politica ci sta sottraendo sempre di più del nostro denaro e della nostra libertà. E perfino l’invidia, che certi uomini politici cercano di suscitare nei confronti dei “ricchi,” si concentra particolarmente su quella categoria ad altissimo reddito il cui potere decisionale i politici vorrebbero accaparrarsi.
Ci sono altre persone, per esempio nel mondo dello sport o dello spettacolo, le quali sono in grado di guadagnare molto di più di un dirigente d’azienda, anche se pagatissimo; ma i politici se lo sognano di poter prendere il posto di Roger Federer o di Scarlett Johansson; per cui gli atleti ricchissimi o le persone di spettacolo altamente retribuite vengono raramente accusati di “avidità.”          
Se ci lasciamo così facilmente distrarre dalla retorica politica, che tira solo acqua al proprio mulino, vedremo sottrarci sempre di più non solo del nostro denaro, ma anche della nostra libertà individuale, da politici dal tono suadente compreso l’Imbonitore Supremo che sta alla Casa Bianca. 



Thomas Sowell
     


Wednesday, July 11, 2012

Il taccagno e la società. Ovvero: il vostro tempo in cambio di denaro


Questa è una traduzione e una rielaborazione di un articolo di Gary K. North, storico, economista liberista di scuola austriaca, (L. von Mises, Hayek, tanto per intenderci) autore e giornalista statunitense. Se vi interessa il suo sito è qui
Il Professor North è molto conosciuto fra gli autori liberisti americani, ma credo che questa sia l'unica traduzione in italiano di un suo scritto.
L'articolo originale era un po' più lungo, e potete trovarlo, in inglese, qui, se vi interessa.
Il pezzo è apparso il 7 di luglio 2012 sul sito di Lew Rockwell, autore americano che se avete seguito questo blog un pochino già dovreste conoscere. Il titolo era:

"Fate come Paperon de' Paperoni; e farete del bene all'umanità."
di Gary K. North  (Tradotto e rielaborato da L. Pavese.)


































Sin dalla tenera età ci viene detto che la vita del taccagno è una vita gettata alle ortiche. Un avido passa ogni ora di veglia ad accumulare denaro; però pare che con i suoi soldi non faccia mai niente di utile. Semplicemente li accumula. 

Quest’analisi, per quel che riguarda l’economia di mercato, non è corretta. In un regime di libero scambio una persona può accumulare ricchezza solo rendendo un servizio al cliente. Nessuno mai darà all’avaro tutti quei soldi solo perché glieli chiede. Quindi, fintanto che lui (rimaniamo al maschile per comodità) sarà impegnato a espandere la sua ricchezza, egli sarà costretto a servire fedelmente i suoi clienti. Dovrà fornirgli i prodotti o i servizi che desiderano, a un prezzo accettabile. Per fare ciò, egli deve mantenere il vantaggio competitivo rispetto agli altri venditori di servizi e prodotti analoghi; e ciò lo costringe a innovare costantemente. I clienti sono liberi di fare le loro scelte, anche per quanto riguarda i loro nuovi gusti e bisogni; per cui l’acquirente è estremamente volubile, e non fa altro che chiedere al venditore: “Che cosa hai fatto, PER ME, ultimamente?” 
  

L’avido, l’avaro, (comunque vogliate chiamarlo), benché sia solo motivato dal desiderio di accumulare danaro, in un’economia di libero mercato è un membro produttivo della società. Diventa il servitore dei suoi clienti, i quali scoprono di godere di un tenore di vita migliore, grazie all’impegno che lo spilorcio mette nell’accumulare una ricchezza ancora maggiore.

L’avaro è un ossesso, ma per alleviare la sua condizione è costretto a fare della soddisfazione dei bisogni del cliente un’altra sua ossessione.
   

Riflettete su ciò che egli deve fare. Deve stimare quello che i clienti saranno disposti  a sborsare in futuro; valutare la competizione da parte degli altri fornitori, i quali inseguiranno, molto alacremente, il denaro in possesso dei loro futuri clienti; infine deve tentare di prevedere anche l’effetto delle normative sul mercato in generale, e sul suo in particolare. Egli è soggetto inoltre all’imprevedibilità di tutta una serie di eventi che potrebbero verificarsi da qui in poi. Infatti, per fare sì che i futuri clienti possano acquistare i prodotti e i servizi che vogliono, al prezzo che sono disposti a pagare, qualcuno deve pur pensare a questi problemi, i quali non si sistemano da soli.



Quindi, ciò che ci raccontano sui taccagni è sbagliato. Potrebbe, forse, essere corretto per quanto riguarda i pericoli associati alle ossessioni. Potrebbe trattarsi di malanni psichici, che nel lungo periodo potrebbero minare la stabilità mentale della persona. Ma per quanto riguarda la funzione sociale degli avidi, costoro sono persone molto produttive, e ricompensate per questo dai loro clienti.


Per quanto noi possiamo affermare di non avere una buona opinione dei tirchi, molti di noi sono cresciuti godendosi, di tanto in tanto, le storie a fumetti di Paperon de’ Paperoni.









Paperone era una brava persona, (vabbé un papero); però non ci sono dubbi sul fatto che fosse molto concentrato sull’accumulazione della ricchezza. Ci ricordiamo tutti le vignette e l’immagine di Paperone, seduto nel suo deposito sulla cima di una montagna di monete d’oro, che se la godeva un mondo.


Per molti, il disegno di Paperon de’ Paperoni, in cima alle sue monete, costituisce l’unica rappresentazione che abbiano mai visto dello standard aureo che vigeva negli Stati Uniti d’America, prima del 1934.





   


Eppure con c’è alcun dubbio, almeno per quanto mi riguarda, che nel taccagno ci sia qualcosa che non va. Egli accumula ricchezza presumibilmente per il gusto di farlo, e così facendo si rende servo di essa; e per poterla servire, in un’economia di libero mercato deve anche servire il cliente. 

Che si analizzi la situazione dal punto di vista della sua soggezione al denaro o del suo asservimento al cliente, non c’è dubbio che lo spilorcio si trovi in una condizione di schiavitù. Egli però accumula la ricchezza che gli consentirà di procurarsi una via di scampo da qualsiasi situazione problematica. Di solito noi ci immaginiamo una persona molto ricca come qualcuno in grado di risolvere i suoi problemi facendo un assegno. Sappiamo che non potrà risolvere tutti i suoi problemi in quel modo, ma di sicuro può risolverne molti di più di quanti possiamo risolverne noi compilando un assegno.


Piacerebbe anche a noi possedere la quantità di ricchezza che Paperone possiede, come garanzia contro tutti gli eventi negativi che potrebbero capitarci.

Questo è il punto fondamentale a favore dell’accumulazione di denaro.

Il danaro è la più negoziabile delle materie di scambio. È ciò che tutti desiderano; e perciò tutti sono disposti a vendere qualcosa per poter agguantarne un po’. Questo non vuol dire che ognuno abbia un prezzo, però è vero che le cose hanno un prezzo per colui che le possiede, anche se non è detto che ognuno abbia un prezzo per tutti i suoi averi.

DA QUI IL GRANDE COMPROMESSO: IL TEMPO IN CAMBIO DI DENARO.

Appunto perché i soldi sono il più smerciabile dei beni, li accumuliamo per poter fronteggiare quegli eventi che non siamo in grado di prevedere con precisione. Questi eventi potrebbero essere positivi o negativi. Potrebbe presentarsi l’opportunità di approfittare di qualcosa di fantastico, o la possibilità di risparmiarci qualcosa di tremendo.
Il punto è che il denaro è lo strumento che ci dà una chance.


Una delle caratteristiche dell’età adulta è che siamo in grado di riconoscere l’inevitabilità del compromesso fra tempo e denaro. Ben Franklin attribuì alla bocca del povero Richard queste parole: “Un bambino è convinto che 20 anni e 20 dollari non finiscano mai.” (In realtà scrisse: 20 anni e 20 sterline, ma non usiamo più le sterline negli Stati Uniti d’America; anche se l’aforisma funziona ancora in Inghilterra).

Quello a cui voleva arrivare era questo: l’orizzonte di un bambino è talmente limitato che il ragazzino pensa che 20 anni siano un tempo interminabile. Quando ne avrà settanta, non lo penserà più.




Ben

  
A un certo punto del percorso verso l’ultimo addio, un individuo dovrebbe rendersi conto che il tempo è l’unico bene insostituibile. Se ne ritrova a corto, e il denaro non può procurargliene di più. Questo è risaputo. Ma il fatto che tutti lo sappiano non suscita in tutti la stessa reazione. 
  
Quando si è giovani si ha il tempo di rimediare ai propri errori. Però quando si è giovani non si ha molto denaro; ma mentre lo accumulate, il danaro, scoprite che la vostra capacità di ripresa si è ridotta. Avete a vostra disposizione meno tempo per correggere i vostri errori.

Per cui, vi servono più soldi.

Tenetelo a mente, il danaro è il più smerciabile dei beni. È lo strumento che consente di trovare una via d’uscita dopo i passi falsi.

Anche in questo caso però, ci troviamo di fronte a un limite ultimo che ha ben poco a che fare con le nostre decisioni. Il limite ultimo è la morte. Anche l’accumulo di danaro ha una sua limitazione strutturale:
Possiamo ammassarne un mucchio per affrontare le evenienze negative, ma non ci servirà a molto di fronte all’evenienza negativa finale. 









On the road
Nel 2000, un cantante settantatreenne di nome Ralph Stanley cantò una canzone: “O Death,” e la cantò in un film, O Brother, Where Art Thou?” ("Fratello, dove sei?" in italiano).



Stanley, un musicista bluegrass, cantava canzoni da mezzo secolo. Non aveva mai vinto un Grammy, ma lo vinse con quella canzone; senza dire niente di nuovo e con la sua voce da uomo anziano. Mi parve molto giusto e qualche anno dopo ebbi l’opportunità di dirglielo di persona. Agli sgoccioli della sua carriera, e a un’età alla quale molti uomini sono in pensione, Stanley viaggiava ancora, continuava a esibirsi, a guadagnare e a intrattenere il suo pubblico. Non se ne stava lì a far niente, aspettando la morte. Infatti aveva un pubblico ancora più vasto, grazie a quella canzone, che non era neanche la più nota delle canzoni bluegrass e che lui cantava in coro.

Mi vengono in mente anche Doc Watson ed Earl Scruggs, che è morto l’anno scorso. Mi è stato possibile vederli entrambi, alla fine della loro carriera, così come li avevo visti mezzo secolo prima. Viaggiavano ancora, intrattenendo il pubblico; e avevano sostanzialmente le stesse abilità che avevano avuto da giovani.

Questo è un vantaggio immenso, per chiunque. Non tutti ne godono, ma quando esiste, credo che tutti dovrebbero approfittarne.





  


Ray Charles è morto quattro mesi prima dell’uscita del film Ray, una sua biografia.
Continuò ad esibirsi fino alla fine. Ricordo un’intervista di un paio d’anni prima. L’intervistatore gli aveva chiesto se aveva in programma di andare in pensione. Rispose con tre parole memorabili:
“Per fare che?”



Continuare a lavorare


Quei personaggi (di cui parlavo prima) che hanno continuato a viaggiare e a intrattenere il loro pubblico fino alla fine mi sono stati di grande esempio. Poter continuare a lavorare fintanto che riesci a produrre qualcosa che gli altri pensano valga la pena acquistare, o almeno passare un po’di tempo a leggere, è un gran dono.   
Invece continuare a lavorare solo per accumulare ricchezza mi sembra la materializzazione della scemenza. Se la state ammassando per poter affrontare le crisi della vita, più vecchi siete e meno razionale l’operazione diventa.

Quando una persona soddisfa i bisogni di un cliente o di scrocconi di vario genere, svolge un utile servizio agli altri individui o alla collettività in generale. Contribuisce al progresso dell’umanità ed espande, per così dire, il regno del dio a cui obbedisce. Ma se il suo dio è semplicemente un mucchio di denaro, egli serve un dio che è allo stesso tempo volubile e  insensibile.     

Questa è la ragione per cui alcuni genitori ammoniscono i figli contro la vanità dell’avarizia. Il taccagno è concentrato sull’accumulazione della ricchezza, ma non si preoccupa sufficientemente delle questioni più importanti della sua esistenza. Il suo obbiettivo è folle, ma i mezzi che usa per raggiungerlo non solo sono legittimi, ma sono anche vitali per la sopravvivenza della civiltà.
Servire gli altri è fondamentale, ma quando un individuo presta attenzione solo al denaro come misura del successo, piuttosto che all’indicatore di successo in termini di vite a cui si è giovato, vuol dire che si è trasformato da servitore dell’umanità a servo degli oggetti.
Invecchiando, divento sempre cosciente del ticchettio dell’orologio. Fortunatamente, io l’ho sentito per la prima volta pochi giorni dopo aver compiuto diciassette anni. Quindi l’ho sempre udito in sottofondo, ma ora lo sento più forte.


La cosa più importante, per me, è portare a compimento il mio lavoro. Mi rimane sempre meno tempo per farlo: per cui cedo in continuazione denaro in cambio di tempo.

Per via di questo baratto, sono costantemente conscio del fatto che, in realtà, sto acquistando un modo di vivere. E prima una persona se ne rende conto, prima riuscirà a ripartire il suo tempo e il suo denaro in maniera più efficace.


Se lo stile di vita di una persona è finalizzato solo all’accumulazione di denaro, egli sarà senza dubbio un taccagno con la coscienza a posto. Se tutto ciò che egli desidera è imitare Paperone, i clienti saranno più che disponibili a metterlo in condizione di raggiungere la sua meta, sempre che lui (o lei) li aiuti a raggiungere la loro; ma è probabile che il cliente stia timidamente tentando di assicurarsi un suo stile di vita più di quanto non lo stia facendo lo spilorcio.

Osservando i due modi di vivere, molta gente giungerebbe alla conclusione che in realtà il cliente possiede una saggezza che l’avaro non ha. Egli ottiene qualcosa in cambio del suo danaro; e il taccagno cede qualcosa.

Il taccagno rinuncia al suo tempo.






Gary North    

Monday, July 2, 2012

La più antica banca del mondo


La seguente è la traduzione di un commento della stampa estera sui recenti fatti riguardanti il Monte dei Paschi di Siena. Più precisamente, si tratta di un commento apparso sul The Daily Bell, che è una pubblicazione libertaria on-line, in risposta a un articolo apparso su un quotidiano britannico.

Buona lettura. Non deprimetevi: se lo stato può creare ricchezza dal nulla, noi forse potremmo trovare anche il lato divertente di questa faccenda.


I vostri commenti saranno graditissimi.


Leonardo Pavese







Questa non avremmo potuto inventarcela


L’Italia inietterà G€ 2 (2 miliardi di Euro) nella più antica banca del mondo, la Banca Monte dei Paschi di Siena (BMPS)...Il governo italiano ha comunicato martedì che fornirà alla BMPS, la più antica banca del mondo, fino a G€ 2 per coprire un ammanco di capitale ---- UK Telegraph,


Una volta le banche erano tutte private, anche quelle che appartenevano a colui che regnava. Le banche erano essenzialmente dei depositi che raccoglievano oro e argento e rilasciavano una ricevuta, (una nota, da qui il termine banconota, ndt).
Queste ricevute, successivamente, si tramutarono nei foglietti monopolizzati di valuta legale che noi oggi usiamo in gran quantità.
In quest’articoletto un po’ faceto (di cui abbiamo pubblicato un pezzetto sopra), non ci pare di captare nessun senso di stupore per il fatto che una banca, che è sopravvissuta indipendentemente per 600 anni, tutto ad un tratto abbia bisogno di un’enorme iniezione di “capitale”.   
Sarebbe anche lecito chiedersi se una cosa del genere non dovrebbe far alzare una proverbiale bandierina rossa. Ovviamente siamo già ben oltre quel genere di interrogativi. Apparentemente, ormai, se una banca è in pericolo di bancarotta, è considerato normale amministrazione che non venga lasciata fallire.   
Naturalmente, l’articoletto ci propina le solite motivazioni per il salvataggio in questione: come è prevedibile, pare che la causa di tutto sia che il governo italiano sta lottando per contenere “il contagio da debito.” Eccovi un altro campione:
Il governo ha adottato “misure urgenti per aumentare il capitale sociale della BMPS”, si afferma in un comunicato, (perché appunto l’Italia sta lottando per contenere il contagio, ndt). Gli aiuti si sono resi necessari, in quanto la banca ha ammesso che era “impossibile” trovare gli investitori privati necessari a irrobustire i suoi fondi, a causa delle “attuali condizioni molto volatili del mercato”, in un momento in cui la crisi dell’Eurozona si intensifica, ha dichiarato il governo.
Questo salvagente consentirà alla banca toscana, fondata nell’anno 1472, di portare il rapporto fra il suo capitale di classe uno e il totale del cespite al 9%, e con ciò adempiere alle norme della ABE (Autorità Bancaria Europea). Oltre al sussidio, Roma rimpiazzerà un prestito concesso alla banca nel 2009 con un altro prestito, portando l’ammontare degli aiuti, convogliati verso la BPMS, a un livello massimo di G€ 3,9 (3.9 miliardi di Euro).
L’annuncio del governo giunge mentre il consiglio di amministrazione (della banca) sta prendendo in considerazione un piano strategico, per il periodo 2012-2015, il quale comprende misure mirate a consolidare il capitale. La ABE esige che le banche italiane, temporaneamente, raccolgano sul mercato ulteriori capitali, per controbilanciare i rischi inerenti alla detenzione di buoni del tesoro italiani.





Con tono pacato, l’articolo aggiunge follia al ridicolo: non solo la “banca più antica del mondo”, se poi è vero, ha bisogno di fondi; ma è costretta a trovare questo capitale a causa di vari ordini governativi i quali le ingiungono che è necessario più denaro!    
Chiaramente, una delle motivazioni dell’azione del governo italiano è proprio “l’obbligo di capitalizzazione” imposto dall’Unione Europea. Ma non solo: sono i buoni del tesoro italiani in possesso della banca che contribuiscono a metterla in difficoltà.  
Quindi, ricapitaliamo: la banca più antica del mondo ha acquistato buoni del tesoro dello stato italiano, i quali ora stanno mettendo a rischio la sua stessa solvibilità. L’Unione Europea ha reso le cose ancora più complicate, esigendo che analoghi istituti bancari detengano più capitale, per controbilanciare il cosiddetto sovereign risk, “il rischio di sovranità”, (cioè il rischio che una banca centrale alteri la sua politica monetaria, riducendo o rendendo nullo il suo debito. ndt.)  
Siccome la banca ha comprato questi strumenti rischiosi, l’entità che li ha emessi, cioè lo stato italiano, è intervenuto per assicurare la solvibilità di quello stesso istituto, (la banca), che lo stato ha messo in pericolo con l’emissione sconsiderata degli agenti di contagio che la hanno infettata.    
ll livello massimo di follia però, almeno secondo noi, riguarda la maniera in cui il denaro vero e proprio verrà utilizzato. Infatti, la EU non ha richiesto che la banca consolidasse il suo patrimonio con oro o argento, ma semplicemente con ancor più moneta legale monopolizzata, emessa per decreto...con Euro insomma.  
L’Euro è la medesima valuta che sta progressivamente perdendo di solvibilità, mano a mano che il resto del mondo si adegua alla triste realtà che la moneta europea, non solo non ha alle spalle niente che abbia un valore, ma non rappresenta neanche il lavoro collettivo dei cittadini europei, molti dei quali sarebbero ben felici di sbarazzarsene se solo potessero.
In conclusione, questa disgraziata e antichissima banca (il Monte dei Paschi) commercia esclusivamente in banconote del Monopoli statale e pare che non possegga né oro né argento per consolidare il suo patrimonio. Ha accettato cambiali, potenzialmente senza valore, dal governo italiano e ora deve acquisire più denaro, egualmente senza valore, per poter espandere la sua base patrimoniale.
Ma siccome non possiede i mezzi con i quali acquistare più beni, lo stesso governo italiano la rifornisce di Euro-ricchezza cartacea, moneta stampata sulla base del nulla, la quale, a quanto si suppone, assicurerà la solvibilità della banca.
Neanche a sognarle queste cose!