Thursday, May 31, 2012

Switzerland: the Forgotten Miracle.





This is a translation of an article about Switzerland by Antonio Martino.
Mr. Martino is an Italian economist and member of parliament. He was the italian Minister of Foreign Affairs during the first Berlusconi Administration and Minister of Defense in the second and third Prime Minister Berlusconi’s government.
He’s a professor of economics at the LUISS University in Rome, and he was president of the Mount Pelerin Society a libertarian think-tank founded, among others, by  F. Hayek and Karl Popper.
Mr. Martino, when he’s not fighting the collectivist fire, which in Italy, unfortunately, comes from the right as well as the left, blogs in Italian at:antonio martino.org
The article is a look at Switzerland, an admirable example of decentralized federalism, responsible fiscal policies and direct democracy, which has endured for centuries.
As always your comments will be greatly appreciated.

Leonardo Pavese





To be a classical liberal today means to know how to be conservative, when it comes the time to defend the freedoms which have already been achieved, and radical, when it’s time to conquer spaces of freedom which are denied to us. Reactionary, to regain freedom that has been lost, and revolutionary, when the conquest of liberty leaves no room for alternatives. And a progressive always, because there’s no progress without liberty.





Antonio Martino.

Switzerland: the Forgotten Miracle
(by Antonio Martino, translated by Leonardo Pavese).
While the entire Europe is in the midst of economic and financial problems of enormous magnitude, facing the concrete possibility to sink into the worst economic recession of its history, a few miles north of Milan there is a country about which nobody ever talks, but which should be studied, understood and, when possible, emulated. I am obviously referring to Switzerland, which enjoys a political, fiscal and monetary framework that is simply formidable.
Switzerland is  a relatively small country: her seven and a half million inhabitants are much less than the nine and a half million of Lombardy, (Lombardía is a region in northern Italy. Its capital is Milan, ndt); nevertheless, while we in Italy cultivate the senseless idea that Lombardy, as far as its size is concerned, can be a Region, meaning an autonomous territorial entity, the not-quite eight million Swiss are organized in no less than twenty-six mini-states called cantons.
As far as its political set-up is concerned, Switzerland is a confederation; which is to say that the functions of the central government are rigorously limited to the scope of what is considered to be the general interest, while everything else is the competence of the cantons.
The proof that this form of federation works well is the fact that, very rarely, Swiss politics grab the attention of the media and that I’m convinced that almost no one, among the readers, could name the head of the government of that country. (Her name is Doris Leuthard , but to be technically correct, in Switzerland the entire seven member Federal Council is considered a collective head of state, ndt).
In the Swiss Confederation the referendum, the popular consultation, is a great form direct democracy: in fact, because in Switzerland there is no set quorum  for the consultation to be valid, the incentive to go vote is much stronger than in Italy where, because of the existence of the quorum, not voting is often the most popular alternative. (Quorum, in this case, means the minimum number of voters for a vote to be valid, ndt). It was a referendum that in 1971 extended the right to vote to women, as it was a referendum that allowed Switzerland to join the United Nations in 2002, (making an exception to conserve the neutrality of the country which dates back to 1674!)



The average per capita income of the Swiss in 2010 equalled $ 41,765, (in the United States of America it was a little higher than that, and in Italy it was a little less than $32,000), which means that the Swiss are among the richest people in the world; and that’s not a small accomplishment, considering that the natural resources of the country are scarce, Switzerland has no access to the sea and it is an heterogeneous society, linguistically speaking, (three official languages, plus Romansh) and religiously.

The Swiss Army knife: more ancient than you thought

An editorial, which appeared a short while ago on the Wall Street Journal, (4/27/2012) illustrates one of the reasons of the Swiss success. In 1985, a popular referendum, with the approval of about 85% of the voters, introduced the so-called “Debt Brake”, which forces the federal government not to increase its spending at a rate higher than the tendential rate of increase of tax revenues. This idea is simply a stroke of genius: the law does not mandate a balanced budget on a yearly base, but only that the increase in spending won’t exceed the growth the tax revenues experienced in a given period of a several years. Therefore, in a given year the budget could even be in deficit, (when the economy is not doing well), or in a surplus (in times of plenty), but it will have to be balanced in that given number of years which was taken into consideration.
We shouldn’t forget, of course, that Switzerland also has a constitutional limit on tax rates levied by the central government: 11.5% on personal income, 8% for the value added tax and 8.5% for the corporate tax rate. This low tax rate level should not surprise anyone, because most of the taxes are levied at the canton level, and only the remainder is taken by the central government. Those “ceilings” could only be raised if the majority of the voters in the majority of the cantons so decided. Thanks to these restraints, the expenditures of the federal government remain below 20% of GDP, (Gross Domestic Product) and the total public spending, (the expenses of the cantons included) amounts to about 34% of GDP.


Between 2005 and 2010, the Swiss national debt decreased from 53% to 40% of the GNI (Gross National Income), while those of the Eurozone’s countries rose from 70% to 85% of GNI! It is easy to understand why the Swiss model has inspired Rep. Kevin Brady, (R-TX) Vice-Chairman of the important Ways and Means Committee of the United States Congress, who has proposed legislation modeled on the Swiss idea of the “Debt-Brake.”
What instead is very difficult to understand is why we in Italy always look up with admiration to the example (very often not very exiting) of the most disparate countries, instead of looking at the enormous success of our neighbor to the north.
During a TV show, after I had confessed my Swiss-philia, Mr. Visco, (Vincenzo the Wringer) came out with the bizarre thesis that Switzerland was a “tax-haven.” Only someone like Mr. Visco could be convinced that a “tax-hell” like ours could be preferable to the prosperity of Switzerland!         
           
          

Wednesday, May 16, 2012

L'economia dell'ambientalismo




Questo è il secondo pezzo di Lew Rockwell che pubblico. Il primo: Non c'era posto alla locanda è il pezzo più letto su questo blog ed è molto divertente.
Llewellyn H. Rockwell, jr. è un economista, giornalista e autore libertario americano, fondatore dello Istituto Ludwig von Mises forse il più importante centro liberale e libertario di studi economici al mondo.
Questo articolo in realtà è una porzione del "Manifesto dell'Eco-Scettico" che vorrei tradurre e pubblicare sul blog a puntate. In questa parte del "Manifesto" Lew Rockwell illustra l'errore alla base della visione "ambientalista"; e cioè che sia possibile determinare il valore di un bene al di fuori del libero mercato e del meccanismo dei prezzi. 










Lew Rockwell


Ma lasciamo parlare lui. Buona lettura. I vostri commenti saranno molto graditi.
Leonardo Pavese





L’economia dell’ambientalismo.
di Lew Rockwell (traduzione e adattamento di Leonardo Pavese).


Solo quando ci saremo liberati, una volta per tutte, della visione utopica e avremo capito, per esempio, che otto milioni di persone non possono vivere a Los Angeles e godere di un'aria come quella delle campagne del Colorado, allora potremo cominciare a risolvere i veri problemi ambientali con gli unici strumenti possibili: la proprietà privata e il sistema dei prezzi.
Quando il meccanismo dei prezzi funziona liberamente, esso porta l’offerta e la domanda a un’equivalenza di sorta, assicurandoci che si faccia delle risorse l’uso più consono al loro valore. Nella misura in cui lo stato manipola i prezzi, non fa altro che realizzare sprechi, tarpare le ali all’imprenditorialità e rendere la gente più povera.
Per fare un semplice esempio, se il caffè, per una ragione qualsiasi, divenisse più scarso, il suo prezzo salirebbe, comunicando ai consumatori di berne di meno. Se invece più caffè arrivasse sul mercato, il prezzo scenderebbe, segnalando alla gente che può berne di più.
Quindi il prezzo costituisce un sistema per la conservazione delle risorse.
Però gli ambientalisti, come i pianificatori Sovietici, pretendono di divinare il valore economico dei beni senza il sistema dei prezzi. Infatti sostengono che “stiamo esaurendo tutto”; e quindi c’è bisogno del controllo governativo dei consumi. Ma se stessimo veramente esaurendo, diciamo, il petrolio, il suo prezzo salirebbe a razzo, comunicando ai consumatori di bruciarne di meno e agli imprenditori di cercare delle alternative. E quando l’offerta di greggio fu messa in pericolo dalla guerra in Iraq, è esattamente ciò che è successo.
Nemmeno le eco-restrizioni auto-inflitte funzionano come sarebbe nelle intenzioni. Gli ambientalisti continuano a ripeterci di fare voto di povertà e di consumare meno acqua, meno benzina, meno carta igienica, eccetera. Ma se riducono i loro consumi, il loro comportamento porta alla riduzione dei prezzi per noialtri, e quindi noi possiamo consumare di più. (Per favore non diteglielo: è l’unico favore che ci fanno.)
La proprietà comune di un bene, che sia l’aria o l’acqua, non fa altro che rendere evidenti le cattive conseguenze del Socialismo: la gente abusa delle risorse perché non deve sobbarcarsene il costo.


Per risolvere il problema, a chiunque abbia sofferto danni personali o abbia subito, per esempio, un danno materiale dall’inquinamento atmosferico, dovrebbe essere consentito di ricorrere in tribunale per fermare l’attività colpevole del danno, o ottenere un compenso. Ma il governo federale (degli Stati Uniti d’America) nel XIX secolo mise mano a questa tradizione di Common Law, il Diritto anglo-sassone, per favorire certi interessi, rendendo impossibile a un agricoltore, tanto per fare un esempio reale, di citare in giudizio una compagnia ferroviaria, perché le scintille della vaporiera gli avevano incendiato un frutteto. (A proposito, la parola “progressismo” si riferiva inizialmente proprio a questo tipo di intervento governativo per favorire il progresso. ndt)        
Inoltre, il governo federale nazionalizzò anche le coste e i canali navigabili specificamente per rendere le cose più scorrevoli a certe lobby industriali.
Ma, se come succede nel caso di tanti canali navigabili in Inghilterra e in altri paesi, la gente godesse del diritto di proprietà sui corsi d’acqua e sui fiumi che attraversano la loro terra, i proprietari potrebbero impedire l’inquinamento esattamente come impediscono lo scarico dei rifiuti nel loro giardino di casa. E se i pescatori e i proprietari di terreni potessero esercitare il diritto di proprietà sulle coste e le acque che le bagnano, ne impedirebbero l’inquinamento e potrebbero allocare i diritti di pesca in maniera appropriata.    
Le recenti reazioni isteriche a proposito delle zanne di elefante non riguardavano nient’altro che una questione di diritto di proprietà. Se i privati cittadini avessero il permesso di allevare i pachidermi e venderne le zanne, (e lo ha fatto notare anche il governo dello Zimbabwe, non certamente fra i più illuminati), non ci sarebbe sul mercato né più e né meno del numero di zanne che ci dovrebbero essere. E lo stesso principio vale per tutte le altre risorse. Finché rimarranno di comune proprietà, l’uso improprio delle risorse continuerà. Se invece verranno poste in mano privata, l’offerta si adatterà alla domanda e la quantità delle risorse disponibile sarà quella giusta.


Un esempio eclatante di conservazione delle risorse basata sul mercato era la Cayman Turtle Farm, (Allevamento di Tartarughe Cayman), delle Isole Cayman, nelle Indie Occidentali Britanniche.
La tartaruga verde (Chelonya mydas) veniva considerata in pericolo di estinzione, a causa della raccolta eccessiva delle sue uova, che erano accessibili a tutti. L’allevamento Cayman, però, era in grado di produrre uova e di portare le piccole tartarughe verdi a maturità a un tasso molto maggiore che in natura. Infatti le sue scorte vive crebbero fino ad arrivare agli 80000 animali.
Ma naturalmente gli ambientalisti detestavano la Cayman Turtle Farm, perché secondo loro è moralmente sbagliato trarre profitto dagli animali selvatici. L’allevamento fu chiuso e adesso le tartarughe sono di nuovo fra gli animali in pericolo di estinzione.
I “Verdi”, come tutte le persone di sinistra, giustificano gli interventi governativi basandosi su quello che gli economisti chiamano “beni pubblici, o comuni” o “esternalità.”
Un “bene comune” dovrebbe essere un qualcosa che tutti vogliamo, ma di cui non possiamo godere almeno che lo stato non provveda. Gli ambientalisti sostengono che tutti vogliano i parchi, ma il mercato non ce li fornisce, quindi lo deve fare il governo. Ma come facciamo a sapere, indipendentemente dal mercato, che tutti li vogliono questi costosissimi parchi? O quanti parchi, e di che tipo?
Si potrebbe fare un’indagine, ma non ci rivelerebbe l’intensità della domanda economica. Ma la cosa più importante è che non basta sapere che la gente desideri, per fare un esempio, diamanti. Economicamente parlando, ciò acquista significato solo se la gente è disposta a rinunciare ad altre cose per ottenerli.
Sorprendentemente, gli economisti di sinistra non hanno mai sviluppato un sistema per identificare questi cosiddetti “beni pubblici”; perciò, da grandi scienziati quali sono, usano la loro intuizione. L’esempio favorito di Paul Samuelson era il faro per la navigazione marittima, (perché non si può impedire a nessuno di vederlo);  finché Ronald Coase non gli dimostrò che imprenditori privati avevano fornito il servizio dei fari per secoli, (includendo il servizio nelle tariffe del porto).
Quando capiremo che solo il mercato ci può fornire informazioni economiche , il problema presunto dei “beni comuni” scomparirà. In assenza di sussidi e proibizioni governative, e della competizione dei parchi “gratis”, il mercato assicurerà che avremo esattamente il numero e il tipo di parchi che gli americani (o gli europei) desiderano, e per i quali sono disposti a pagare.



Inoltre, se vendessimo tutti i parchi nazionali potremmo saldare il debito del governo federale. (Rockwell scrive nel 2000, per quanto riguarda il debito obamiano odierno, non credo, ndt).
Una “esternalità” non è altro che un effetto collaterale. Il nuovo bel giardino dei vostri vicini è un’esternalità positiva; il loro cane che abbaia no. La prima cosa è una benedizione, la seconda è irritante, ma voi non avete acquistato volontariamente nessuna delle due.
Gli ambientalisti affermano, per esempio, che i rifiuti siano un’esternalità negativa del consumismo. Per cui sostengono il bisogno di regolamentazioni più severe e di più burocrazie, per risolvere il problema. Però il libero mercato risolve la questione in maniera più equa ed efficiente per mezzo del diritto di proprietà.  
Privatizziamo, e le “esternalità” vengono internalizzate; vale a dire: i costi li paga chi deve pagarli.
Ma, purtroppo, per certi ambientalisti il benessere umano è di per sé una “esternalità negativa.”
  

Tuesday, May 8, 2012

Moda e Arte




Il Presidente della Repubblica (italiana) Giorgio Napolitano ha detto che bisogna abolire “la distanza fra la politica, (cioè lo stato, secondo lui), e la cultura.”
Per “cultura” lui intende anche lo spettacolo, il cinema naturalmente, e tutto quello che adesso viene accorpato sotto quella classificazione dai quotidiani.
Per cui, quando ho letto nell’interessante articolo di Virgina Postrel , la cui traduzione vi propongo oggi, che il Lincoln Center di New York ha incluso la moda fra le sue offerte culturali mi sono un po’ preoccupato.
Sí, perché la moda è arte, e su quello non ho dubbi, (ed è anche perciò un veicolo di espressione individuale. Guarda caso i collettivisti, tipo Mao Tse-Tung con i suoi bei vestitini tutti uguali, non la vedono di buon occhio); però il rischio, se la moda prende il posto che le spetta fra le attività creative umane, è che finisca, almeno in Europa, nel novero delle cose che qualche Ministero si sente in dovere di proteggere e sovvenzionare.






Quando un’arte diventa “seria”, per così dire, è la fine.
Il cinema, per esempio: la maggior parte dei film è inguardabile; si fanno per un pubblico giovanile; e comunque i film più di successo sono i film commerciali americani, realizzati con fondi privati, e non certo i film europei sovvenzionati dallo stato. (A proposito, Napolitano ha fatto la sua dichiarazione davanti a un gruppo di cinematografari italiani, che si aspettano un obolo dal ministero perché non sono capaci di fare un film che il pubblico internazionale voglia guardare).
I film cosiddetti un po' più seri non li guarda nessuno, (finiscono molto presto nel circuito a noleggio) e le storie e le sceneggiature più interessanti oggi si possono vedere grazie al più commerciale dei mezzi di comunicazione: la TV (americana).
Il jazz, che era la musica dei postriboli, adesso è una nicchia per un pubblico di mezza età, sedicente sofisticato, e non ha proposto niente di nuovo forse dagli anni 1950.
I fumetti, prima stampati su cartaccia e venduti a pochi centesimi, adesso si chiamano “graphic novels” (in Europa) e infatti li leggono in ben pochi. (Quelli americani, però, stanno vivendo di nuovo un periodo fortunato e, anzi, forniscono il materiale all’industria cinematografica).
L’opera, che era la musica pop di un tempo, ormai si ripete sempre uguale da secoli. I cantanti lirici, (praticamente impiegati statali, in Italia) nei loro costumi sembrano dei manichini. Si potrebbero mettere in scena delle figure di cartapesta, con un bel trucco pesante, e trasmettere una registrazione dell’opera in sottofondo; tanto quello che conta secondo loro è il “bel canto”.
Ma la moda è ancora un campo in cui si inventa, come ci ricorda Postrel. Lasciamola nell'ambito del libero mercato e speriamo che non diventi competenza di nessun ministero.








Virginia Postrel è una scrittrice e giornalista libertaria americana. È nota negli Stati Uniti per i suoi due libri: "The substance of Style" e " The Future and Its Enemies." È membra inoltre del Consiglio di Amministrazione della Foundation for Individual Rights in Education , un organizzazione libertaria la quale cerca di contrastare la marea del "politicamente corretto" che ha inondato le università americane.       


Questa è la url dell’articolo originale del Wall Street Journal:
Buona lettura. I vostri commenti saranno molto graditi.
Leonardo Pavese         



Moda e Arte

di Virginia Postrel (traduzione e adattamento di Leonardo Pavese).


Nel marzo del 2009, pochi giorni prima che aprisse una grande mostra di ritrattistica di Andy Warhol, al Grand Palais di Parigi, Pierre Bergé, partner di Yves Saint Laurent  e custode della sue memoria, si oppose all’accostamento dei ritratti del defunto designer con quelli di personaggi quali Giorgio Armani e Sonia Rykiel, sotto la classificazione di “Glamour”: Saint Laurent era un artista, disse Bergé. La sua immagine dovrebbe essere esposta insieme a quelle di David Hockney e Man Ray. Dopotutto, aggiunse, lo stesso Andy Warhol aveva proclamato Yves Saint Laurent: “le plus grand artiste français de notre temps.”


Yves Saint Laurent  di Warhol
La mostra si tenne, fra l'entusiasmo della critica, ma senza le immagini di Yves Saint Laurent. Fu un momento tutto francese e stracolmo d’ironia, e tutto improntato alla preservazione di quella differenza di rango che lo stesso Warhol aveva fatto deflagrare. Dopotutto, era stato lui ad aver notoriamente paragonato i grandi magazzini a musei:

“Ma perché mai la gente pensa che gli artisti siano tanto speciali? È un lavoro come un altro.”

Per assurda che fosse, la protesta di Bergé aveva evidenziato un convincimento molto diffuso: cioè che la moda sia un’attività inferiore, indegna, triviale e culturalmente sospetta. L’arte è meglio; ma molto meglio.

Nei circoli museali, osserva Valerie Steele, direttrice del museo al Fashion Institute of Technology, “la moda, in realtà, è considerata come la figlia bastarda del capitalismo e della vanità femminile.”

Perciò, il 9 settembre, (del 2010), quando al Lincoln Center, (a New York), si è aperta la Mercedes Benz Fashion Week, (la Settimana della Moda, patrocinata dalla Mercedes Benz), l’evento ha segnato un momento culturale molto importante. Infatti il Lincoln Center, (un complesso teatrale), farà molto di più che rendere semplicemente disponibile un posto per le sfilate in passerella, (dopotutto, si possono affittare i locali per feste di compleanno e conferenze); ma ha ingaggiato un direttore responsabile per la moda e includerà le sfilate, in aggiunta all’opera, al teatro, alla danza e alla musica, alla sua annuale carrellata artistica, con programmazione di film, mostre fotografiche e conferenze.


È un segnale importante di una tendenza intellettuale, che si è andata formando durante gli ultimi decenni. La moda sta lasciandosi alle spalle i pregiudizi culturali e, in misura sempre maggiore, è riconosciuta come un’attività culturale importante: in effetti, uno dei caratteri che definiscono al nostra civiltà.

“La moda testimonia la capacità di adattamento degli esseri umani,” scrive il filosofo francese Gilles Lipovetsky, nel suo iconoclastico libro del 1987: “The Empire of Fashion: Dressing Modern Democracy”, (L’impero della moda: Vestire la democrazia moderna). Al pari della scienza e dell’industria, “la moda è uno dei volti dell’ingegnosità moderna; cioè della continua lotta degli esseri umani per padroneggiare le condizioni della loro esistenza.”

La moda consente agli individui di crearsi una loro immagine pubblica e di godersi il piacere di inventarsela. Andando controcorrente rispetto ai costumi e al “classicismo”, la moda ci ricorda quanto sia universalmente umano il gusto della novità, soddisfatto e intensificato dalla cultura commerciale moderna. 
Benché le fluttuazioni periodiche nell’abbigliamento occidentale si possano far risalire al Medioevo, le variazioni della moda divennero più frequenti,  e meno prevedibili, man mano che le società si affrancavano dall’ereditarietà del rango sociale e dalle autorità consuetudinarie, e acquisivano la fluidità propria dei mercati, l’eguaglianza sociale e un governo repubblicano. Il recente ritorno alle spalle larghe degli abiti da donna, perciò, non è un omaggio non tanto agli anni 1980, o 1940, quanto al dinamismo di una società aperta.

Nel suo significato più profondo e ampio, con il termine moda qui non si specifica nessuna forma espressiva in particolare, ma si fa invece riferimento a un qualsiasi mutamento nell’estetica di per sé stesso. La pittura e la scultura riflettono i mutamenti nella moda; e anche la musica, la danza, la poesia e la prosa.

Moda vuol dire semplicemente che “un qualcosa è ora più attraente di ciò che prima fosse considerato attraente”, scrive il sociologo (di Harvard) Stanley Lieberson, nel suo libro del 2000: “A Matter of Taste. How Names, Fashion and Culture Change.” (Questione di gusti. Come cambiano i nomi, la moda e la cultura.)


Alida Valli

Gli abiti color cammello ci paiono perfetti quest’autunno (Postrel scrive nel 2010 ndt); mentre invece due anni fa il viola era il colore del momento. Questa volubilità rende la moda sospetta. Per cercare di darle un che di razionale, da due secoli gli intellettuali concordano, benché con piccole differenze, sullo fatto che la moda abbia principalmente uno scopo: segnalare e consolidare il proprio stato sociale. La moda è stata così equiparata al consumo eccessivo, e rappresentava invidia, snobbismo e spreco. Gli ordini sociali più bassi copiavano quelli superiori, e la moda mutava man mano che l’alta società tentava di distanziarsi dai suoi imitatori.

Forse la musica  e la pittura potevano anche evolvere alla ricerca della verità; ma l’ondivagare degli stili delle gonne e dei sofà era visto solo come un modo per attrarre i creduloni o rimettere il volgo al suo posto.
I moti giovanili dei primi anni del 1960 demolirono questa semplicistica teoria della “diffusione dall’alto”; quando le mode popolari di Carnaby Street detronizzarono la haute couture parigina. Le ragazze Mod, in minigonna, non cercavano certo di emulare le donne aristocratiche. L’influsso fluiva in senso opposto; e in realtà la stessa cosa si era verificata negli anni 1920 con Coco Chanel, la quale era diventata una couturier non fornendo ai clienti facoltosi quello che già portavano, ma commercializzando lo stile semplice che piaceva a lei. L’attrattività della moda è molto più complessa della semplice invidia di classe.





Prendete, per esempio, la moda dei nomi dei bambini. Negli anni 1960, Susan e (scritto in modi diversi) Cathy erano due dei nomi più popolari per le femmine, (negli Stati Uniti). Oggi Susan non è neanche fra i primi 500; e le bambine di nome Katherine vengono chiamate Kate, Kit, Katie (or Katherine), ma tutto fuorché Cathy, il quale appartiene solo a signore di una certa età. Certi nomi suonano al passo coi tempi, mentre altri sembrano scaduti, oppure, come vestiti di altri tempi, ci paiono piacevolmente all’antica e chissà, forse, da rivisitare.
Le fluttuazioni della moda si ampliano, ci fa notare il Professor Lieberson, quando i genitori si sentono più liberi di scegliere i nomi dei bambini, piuttosto che in dovere di onorare un santo o un parente.
Piuttosto che semplice imitazione sociale, le mode di ogni sorta sembrano essere guidate dalla voglia di essere diversi, ma non troppo: spiccare come individui, mentre allo stesso tempo si rimane a far parte del gruppo particolare con il quale ci si identifica. (Per esempio Kayla, un nome popolare fra i bianchi dal reddito più basso, non è arrivato ad essere fra i primi 20 nomi, nei gruppi socio-economici elevati.  Le sub-culture dei “Goth” (in Italia chiamati Dark) e  dei “Rocker” hanno i loro  propri cicli di moda e sottogruppi stilistici.
Nel vestire, le fluttuazioni non sono casuali; e nemmeno rispecchiano, in modo palese, gli eventi attualità. Gli stili dei vestiti, così come gli stili della musica, evolvono secondo una loro logica interna: gli orli reagiscono agli orli dell’anno scorso e non alle quotazioni del mercato azionario; e ogni dato stile può accordarsi a diverse, e spesso contraddittorie narrative.
La crisi economica suggerisce colori più scuri, per rispecchiare l’umore del pubblico, o tinte sgargianti per rallegrare la gente? La risposta sta semplicemente in ciò che brama l’occhio.
Portare la moda la Lincoln Center non solo riconosce l’importanza culturale dello strumento di comunicazione visiva, ma ridefinisce la moda nel senso di arte scenica: un ambito certamente più appropriato di una mostra statica in un museo.
La rappresentazione diventa funzione dei corpi che la rappresentano.
La differenza fra una gonna civettuola e un vestito aderente, o fra la drammaticità di una mantello e la misteriosità di un trench derivano da come cascano e si muovono i capi.
Ecco perché la camminata della modella è importante quanto le sue sembianze.
Ma questo non vuol dire che le modelle (né i modelli) detengano il monopolio delle sfilate di moda. Nel libro del 1978  “Seeing Through Clothes”, (Vedere attraverso gli abiti), il suo importantissimo studio, che metteva in relazione la moda con la storia dell’arte, Anna Hollander sostiene che il vestiario costituisca la materia prima per la più universale delle arti sceniche.
Scrive: “Una semplice sfilata di gente comune, ma vestita in modo speciale, è uno dei più antichi spettacoli del mondo. Probabilmente, continua a esistere perché non manca mai di dare soddisfazione a quelli che osservano e a coloro che sfilano.”